“Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme è un successo”.

Henry Ford

Appartenenza e condivisione.  Oggi, più che mai, si avverte la necessità di sentirsi parte di un gruppo e per un’azienda il senso d’appartenenza rappresenta l’investimento degli investimenti.  Un aspetto importante che, se positivo, influisce sulle motivazioni. Allora se già al suo esordio il franchising, basandosi proprio sulla condivisione, ha avuto una forte accelerazione, oggi che condivisione e appartenenza sono al centro del nostro sistema produttivo, i sistemi a rete sicuramente manterranno questo trend positivo, iniziato, venti anni fa e che rappresenta una risposta per il mercato e avrà sempre più peso sul Sistema Italia. Il trend di lungo periodo quindi non verrà smarrito, ma proseguirà, lo dimostra la storia, basta canalizzare, ancora di più, le energie e accelerare i cambiamenti perché tra i cambiamenti c’è proprio la crescita del franchising che si è dimostrata tale proprio nei momenti di crisi. Il franchising è una leva importante per l’economia del Paese, crea nuova imprenditorialità, nuovi posti di lavoro e alimenta il commercio tradizionale in una modalità moderna. L’intero sistema franchising conta oltre 200.000 addetti, che contribuiscono a generare 25 miliardi di fatturato, ovvero circa l’1,3% del Pil italiano, un sistema che negli ultimi 10 anni è cresciuto annualmente in valore circa il 2%, creando oltre 10.000 nuovi posti di lavoro ogni anno. Allora se l’economia del nostro Paese fosse cresciuta, in questi anni, come è cresciuto il franchising oggi saremmo tutti più ricchi. Stiamo vivendo una nuova fase di una storia organizzativa e quando i nostri imprenditori vogliono far accadere il cambiamento, sanno sprigionare un’energia straordinaria. Sicuramente per guidare le vendite sarà necessario pensare a nuove modalità di interazione del consumatore con il canale fisico e online, come l’organizzazione di punti vendita, e-commerce e il delivery. Il canale digitale si conferma quindi un elemento fondamentale per continuare a sostenere il business e la customer relationship.  Ci troveremo a fare i conti con un mercato sostanzialmente diverso ed è necessario accelerare e cogliere rapidamente l’andamento di tale mercato, cavalcare le opportunità e uscirne indenni, ove non anche rafforzati, da questa crisi. Per cogliere appieno tali opportunità, saranno necessari investimenti su cui si auspica un concreto supporto anche da parte del governo con interventi strategici di lungo periodo.  Ad un certo punto, e questo momento è arrivato, ci stancheremo di parlare della crisi e saremo tutti in grado di tornare ad una nuova normalità. Siamo tornati tutti  a lavorare come popolazione all’interno di un’economia, a portare a termine i lavori che si hanno, ad attuare delle strategie di rilancio per il futuro. Il lavoro va avanti e così anche il nostro tessuto produttivo e imprenditoriale.

Fabio Pasquali

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *